Lo studio

 

«Uno Studio Legale da tre generazioni al servizio della Giustizia».

Lo Studio Legale Comporti in Siena, ormai giunto alla terza generazione, è stato fondato dall’avv. Domenico Comporti (1891-1948).

Iscrittosi alla Facoltà di giurisprudenza dell’Università degli Studi di Siena nel 1910, e richiamato alle armi per la grande guerra come Ufficiale di fanteria quando gli mancavano pochi esami alla laurea, egli fu ferito due volte sull’Isonzo e meritò la Croce di Guerra e la medaglia di bronzo al valor militare. Laureatosi poi brillantemente nel 1919, avviò lo studio legale, dopo essere stato abilitato all’avvocatura sotto la guida dell’affermato avv. Ezio Martini. Alla professione forense ha unito anche un intenso impegno sul piano pubblico, essendo stato per più anni componente della Giunta provinciale amministrativa, Preside della Provincia di Siena nel periodo 1937-1943, nonché membro della Deputazione amministratrice della Banca Mps negli anni 1942-43 e 1944.

Dopo la sua scomparsa, la gestione dello studio legale è proseguita con il figlio Marco, laureatosi in giurisprudenza con il massimo dei voti e la lode nell’Università di Siena nel 1954 e divenuto avvocato nel 1956, sotto la guida dell’avv. Carlo Querci. Ad una intensa attività professionale egli ha accompagnato una feconda ed ampia attività di ricerca scientifica nel diritto civile, conseguendo nel 1966 la libera docenza, e vincendo poi nel 1976 il concorso a cattedra. Ha insegnato Istituzioni di diritto privato ed altre materie civilistiche dal 1969 fino al pensionamento.

Nel 1986 è stata costituita l’Associazione professionale  “Studio Legale Associato Comporti” fra l’avv. Marco e la di lui moglie avv. Anna Maria Noli, specializzatasi soprattutto nel diritto del lavoro e della previdenza ed assistenza sociale.

Dal 1995 è entrato a fare parte di tale associazione anche il figlio Gian Domenico Comporti, abilitato all’esercizio della professione nel 1991 e divenuto professore ordinario di Diritto amministrativo nell’Università degli Studi di Siena nel 2005. Egli assicura continuità alla tradizione familiare coltivando diversi ambiti disciplinari (soprattutto il diritto civile e quello amministrativo) e coniugando l’impegno nel foro con le attività di studio e di insegnamento universitario, vissute come complementari versanti umani e professionali.

Molti sono i giovani laureati italiani e stranieri che hanno frequentato e frequentano lo Studio, per perfezionare la propria preparazione in vista degli sbocchi professionali.